Destinazioni sfiziose a Firenze

Se avete voglia di un itinerario alternativo, ecco qualche suggerimento su cosa vedere a Firenze al di là dei sentieri più battuti. Sarà l’occasione per scoprire qualcosa in più sulla città al di là delle mete più classiche.

La Basilica di San Lorenzo e le Cappelle medicee

Vi trovate nella patria dei Medici: cosa vedere a Firenze su questo tema? Sicuramente la Basilica di San Lorenzo, conosciuta soprattutto per le sue Cappelle Medicee. Qui, infatti, sono sepolti gran parte degli esponenti della celebre e tumultuosa famiglia. I capolavori da non perdere sono le due Sagrestie, che portano nomi celebri della storia dell’arte: la Sagrestia Vecchia, progettata da Brunelleschi e decorata in parte da Donatello, e la Sagrestia Nuova totalmente concepita da Michelangelo.

Il Museo di San Marco, sulle tracce di Savonarola

Una chicca preziosa e poco battuta da vedere a Firenze è il Museo di San Marco, ospitato nell’ex convento domenicano. A San Marco fanno da padrone gli affreschi di Fra’ Beato Angelico, con qualche incursione nella storia di Girolamo Savonarola che qui fu frate (si può visitare anche la sua cella). Un viaggio nella vita monastica di un tempo condito da toccanti opere d’arte.

Santa Maria Novella e la sua Spezieria

E restando sul tema dei domenicani, a due passi dalla stazione centrale c’è un altro piccolo tesoro: la Chiesa di Santa Maria Novella, un tempo anch’essa convento domenicano. Lasciate correre lo sguardo sulla facciata di Leon Battista Alberti, sintesi di perfette decorazioni e proporzioni calcolate sulla sezione aurea. Passeggiate all’interno, nei chiostri del convento, e perdetevi fra i mille affreschi medievali e rinascimentali in cui vi imbatterete. Nel Cappellone degli Spagnoli sarete circondati da immagini della Firenze di fine ‘300 e da paurose scene da Giudizio Universale. All’interno della chiesa, invece, ecco le due punte di diamante: la Trinità di Masaccio e il Crocefisso di Giotto. Finita la visita fate un salto all’Antica Spezieria del convento, ancora arredata come nel ‘700: qui potrete acquistare prodotti di cosmetica ed erboristeria preparati secondo le antiche tradizioni.

La Firenze della moda

Non dimentichiamoci che Firenze, oltre a essere città d’arte, è anche città di moda. Al di là delle numerose boutique, potrete visitare Museo Ferragamo, dedicato al guru delle calzature e alle sue stravaganti invenzioni. Di recente apertura anche il Gucci Museo, in Piazza della Signoria, che propone esposizioni, mostre e una nutrita libreria sulla celebre casa di moda fiorentina.

La Firenze dei Fiorentini

Per finire, cosa c’è di meglio di una passeggiata nelle zone di Firenze meno battute dai numerosi turisti? Concedetevi qualche momento in Oltrarno, per esempio nel quartiere di San Frediano. Questa parte della città, altrettanto antica, è priva di flussi turistici benché custodisca la Cappella Brancacci, affrescata da Masaccio. Oppure, avventuratevi verso Borgo la Croce, poche centinaia di metri dietro Santa Maria del Fiore. Vi troverete in un’altra Firenze e, se siete fortunati, potrete passare un po’ di tempo al mercatino delle pulci di Piazza dei Ciompi.